Archive for novembre 2008

Evento Live di Sine Requie

02/11/2008

Gli zombie si aggirano nelle mura di Lucca.

Ieri sera alle ore 20:00 si è svolto il Primo Live di Sine Requie nella storia di Lucca Comics & Games.
Il Gruppo NOX, organizzatore dell’evento, ha introdotto l’ambiente horror a Lucca già a partire dalle ore 16.00 dove ha realizzato grazie all’aiuto dell’azienda Filistrucchi una sessione dimostrativa di Trucco Cinematografico.
L’evento si è svolto all’interno del Baluardo San Regolo che è stato popolato da inquisitori della “Santa Sede”, Excubitores, cacciatori di morti, ma soprattuto Zombie.
Questo evento di gioco di ruolo dal vivo si ispira a un manuale cartaceo edito dall’Asterion Press, che ha come ambientazione un mondo dove non esiste più la morte e i sopravvissuti vivono nel terrore degli zombie.
L’ambientazione scelta dal Gruppo Nox per l’evento di Lucca è stata quella italiana in concomitanza alla presentazione del manuale “Sanctum Imperium” da parte della casa editrice.
La trama dell’evento è stata condivisa con gli autori, Matteo Cortini e Leonardo Moretti che prima dell’inizio del live si sono avventurati nell’area di gioco.
L’evento organizzato per 40 giocatori ha visto alla fine la partecipazione di circa 50 persone che si sono confrontate e scontrate sulle mura di Lucca e nei sotterranei fino alle 24:00.
Le impressioni ha caldo dei partecipanti sono state di forte entusiasmo per la novità presentata.

By Andrea Marmugi

Super Robot File e Super robot file Toys

02/11/2008

La storia del Robot Giapponese

Fabrizio Modina in arte Omegaring, di AnimeWebRadio, collezionista e storico di anime e mitologia contemporanea, ha incontrato il pubblico dell’Area Japan di Lucca Comics & Games per l’evento dedicato al periodo d’oro dei Robots giapponesi.

La conferenza si è snodata in due incontri, uno svoltosi ieri pomeriggio e riguardante la storia dei Robot Giapponesi, attraverso una completa retrospettiva.

Questa mattina si è svolta la seconda parte della conferenza di Super Robot File e Toys che ha invece coperto e descritto tutta la produzione di giocattoli e Toys dal Vintage fino ai più moderni.

By Andrea Marmugi

Sfilata di ghotic Lolita all’area Japan

02/11/2008

Moda e stili moderni del Giappone

Ieri pomeriggio All’area Japan del Lucca Comics & Games è avvenuta la Filata di moda sul Gothic Lolita stile.
Questo è un tipo di abbigliamento nato in Giappone intorno alla fine degli anni ’90, in uso tra le adolescenti giapponesi, nonché una categoria della cosiddetta moda Lolita.
L’evento è stato introdotto da una lunga conferenza sull’ambiente dello stile Gothic Lolita affrontato in tutti i suoi aspetti, dal modo di vestire al modo di comportarsi.
La parte precedete alla sfilata ha trattato tutti i vari stili di questa particolare visione del gotico, del Punk, fino ad arrivare alle tendenze più country.
Francesca Iapicca, responsabile del forum Gothic Lolita, ha presentato la sua esperienza in quest’ambito rispondendo alle domande del vasto pubblico.
Punto fondamentale della loro conferenza è stato il sottolineare che questo modo di vestirsi non è un Cosplay ma uno stile di vita.

By Andrea Marmugi

Scuola di traduzione per il fumetto e l’editoria

02/11/2008

Tra le numerose iniziative che orbitano intorno al mondo del fumetto, Andrea Plazzi e la RAM ne propongono una che andrà a colmare una lacuna attualmente esistente:la Scuola di traduzione per il fumetto e l’editoria. In seguito alla felice esperienza degli anni scorsi di un master di traduzione per il fumetto tenuto a Pisa, si è pensato di ampliarlo e di estenderlo ad argomenti correlati. Infatti il corso, della durata di dodici giornate, affianca alle questioni di traduzione vere e proprie anche alcuni seminari  dedicati ad altri processi dell’industria del fumetto apparentemente secondari, ma non per questo meno importanti: l’organizzazione della redazione, il marketing, i rapporti con le tipografie (soprattutto in ambito internazionale) e ovviamente nozioni di diritto d’autore. Lo studente, in questo modo, avrà a disposizione diversi sbocchi lavorativi nel business del fumetto. La parte di traduzione vera e propria non sarà focalizzata su una lingua particolare ma comprenderà elementi di adattamento, di rapporti tra i vari livelli di linguaggio e problematiche specifiche per la traduzione dei fumetti.
A corredo di tutto questo, verranno illustrati diversi case study su autori dell’importanza di Will Eisner, Neil Gaiman, Alan Moore o Art Spiegelman
I docenti del corso comprendono diversi traduttori professionisti, tra cui Andrea Baricordi della Kappa Edizioni, Leonardo Rizzi e Alessandra di Luzio, altri professionisti del settore e docenti universitari come Mirko Tavosanis del Dipartimento di studi italianistici dell’Università di Pisa. Quest’ultimo, presente all’incontro, presenta un estratto di una lezione per mostrare concretamente il funzionamento delle lezioni. In poche diapositive Tavosanis è in grado di dimostrare come la conoscenza di una lingua straniera non sia sufficiente ad affrontare le problematiche di traduzione, e quindi quale sia l’utilità di questa iniziativa per trasmettere le competenze che si sono formate nell’ambito dell’editoria italiana.

by Prospettiva Globale

Heroes: finale alternativo

02/11/2008

Finita l’attesa per i fan della serie TV Heroes.

Questa mattina si sono aperti i cancelli dell’Auditorium San Girolamo per la presentazione dell’attesissimo finale alternativo della seconda stagione. Neppure l’audio originale e l’assenza di sottotitoli hanno scoraggiato i fans, solo pochi sono riusciti a seguire i dialoghi, la maggior parte si è limitata ad osservare le scene che scorrevano man mano sullo schermo.

La seconda stagione, che conta solo 11 episodi a causa dello sciopero degli sceneggiatori, trasmessa in Italia a partire da metà settembre, si può dire, con la presentazione di questo finale alternativo, definitivamente conclusa.

Ai presenti è stata data in omaggio la maglietta ufficiale della serie… assolutamente imperdibile!

by Redazione

I Reami dell’Immaginazione – Seminario Tracy Hickman (sabato 1 novembre)

02/11/2008

Affidato a Tracy Hickman (scrittore di provata esperienza e chiara fama, oltre che Guest of Honor della rassegna) per la serie “Educational“, Lucca Games 2008 presenta il seminario “I Reami dell’Immaginazione“: previsto per le 15 di sabato 1 novembre e della durata di due ore, spiegherà come porre le basi di una buona storia progettandone la struttura per dare forma al proprio mondo fantastico e ai personaggi che lo popolano. Il laboratorio sarà rivolto soprattutto ad assistere gli aspiranti scrittori, i quali anzi saranno incoraggiati a porre domande, e seguirà un approccio tecnico senza però trascurare la componente emotiva: il concetto di storia come embrione della mentalità umana, e processo del “dare un senso a partire dal caos” delle possibilità.
Come Tracy stesso ci ha infatti spiegato, una storia ben raccontata può, attraverso le tecniche narrative, essere usata per aggregare le persone oppure (come nel caso della propaganda politica) per manipolare la loro volontà, ed è importante porre l’accento su questa versatilità dell’arte di raccontare.

by Gioconomicon

Mark Tedin – Il futuro di Magic the Gathering

02/11/2008

Il futuro di Magic the Gathering “illustrato” dall’artista di punta nonchè Guest of Honor di Lucca Games 2008 Mark Tedin. L’illustratore, che assieme ad altri sei artisti è presente qui a Lucca per formare il gruppo dei magnifici sette dell’illustrazione di Magic the Gathering, prima di diventare l’icona figurativa del gioco di carte collezionabili per antonomasia era uno studente come molti, appassionato di disegno. Il suo amico Anson Maddocks l’ha introdotto all’Art Director di una piccola compagnia di 5 persone, chiedendogli se era interessato a realizzare delle illustrazioni per il loro gioco di ruolo. La compagnia era la Wizards of the Coast, che di lì a pochi mesi gli affidò un grandissimo numero di illustrazioni, da realizzare in pochissimo tempo, per il suo nuovo gioco di carte. Con il Set Alpha inizia la collaborazione di Tedin con la WotC, e di lì ad un anno esplode il fenomeno di Magic the Gathering.
Con il susseguirsi delle espansioni, e la creazione di una trama che facesse da sfondo al gioco, alla Wizards hanno deciso che era il momento di dare una coerenza a questo mondo fantastico, e Mark Tedin, assieme ad altri 3 artisti, è andato a formare il “dream team” che avrebbe definito la Style Guide per l’universo di Magic the Gathering – definire costumi, aspetto delle razze, ambientazioni. La Bibbia Visiva di Magic è stata uno strumento di riferimento fondamentale per poter espandere l’universo di Magic anche attraverso altri media, come il fumetto o la letteratura, ed ha cambiato anche il modo in cui venivano realizzate le carte. Se inizialmente i vari artisti avevano semplicemente il nome della carta di turno come indicazione, si è arrivati invece a indicazioni precise circa personaggi, ambientazioni, vestiti e quant’altro per poter rispettare le regole di questo universo e creare un tutt’uno coerente e organico.
Durante la conferenza sono partiti dei mini-concorsi improvvisati in cui i partecipanti (o anche chi seguiva l’evento tramite internet – potere dello streaming!) dovevano indovinare da uno schizzo la carta cui si riferiva, o ridisegnare una carta a partire dal solo titolo, con in palio il portfolio degli illustratori di Magic raccolto dallo staff di Lucca Games.
Un ultima curiosità per quanto riguarda i metodi di reclutamento degli illustratori della Wizards of the Coast, e l’assegnazione dei lavori ai singoli artisti. Esiste un manager generale degli artisti che collaborano regolarmente con WotC, che con il passare degli anni sono diventati più di mille, che assegna ai singoli artisti illustrazioni che meglio si sposano con il proprio stile personale. Mark ad esempio confessa di non essere il migliore nella resa di creature delicate come fate ed elfi, quindi queste vanno ad artisti più adatti, mentre lui si dedica alla resa di creature oscure e inquietanti. Pare che il criterio di scelta non si discosti molto da un “Ci sono tentacoli? Fatela fare a Mark Tedin!”

by Gioconomicon

Gente di Cartoonia e i Raggi Fotonici

02/11/2008

Chiudete gli occhi e ascoltate…dove avete già sentito questa voce?

Sabato 1 novembre… fanno il loro ingresso nell’auditorium di San Romano i doppiatori più famosi del mondo dei cartoni animati. A fare da colonna sonora i Raggi Fotonici autori di numerose sigle per la Rai.

Forse il nome Fabrizio Mazzotta non vi dice molto, ma sicuramente vi ricorderete il simpaticissimo Eros, compagno di avventure di Pollon, piuttosto che Krusty il clown. Questi sono solo due dei numerosi personaggi ai quali questo doppiatore, che ora è anche direttore del doppiaggio, ha dato la voce.

In occasione di Lucca Comics & Games lo show è dedicato ai 30 anni di Goldrake. Voce storica di Mizar lo stesso Mazzotta che lascia il testimone per le serie in dvd uscite in questi ultimi anni, a Valeria Vidali. Quest’ultima doppiatrice anche di personaggi come Stormy delle Winx e Sora dei Digimon.

Presente anche Davide Perino, voce di Frodo ne Il Signore degli anelli e di Alvin in Alvin Superstar, ma anche di un personaggio apparso negli ultimi episodi di Goldrake (che sicuramente ha un bellissimo nome ma che nessuno riesce a ricordare…).

Ma gli ospiti non sono finiti: partecipa Perla Liberatori, voce di Scarlett Johanson e Stella delle Winx, Alessandro Budroni, Gemelli Kimura in Shuriken school e Berkeley in Ergo Proxy e Leonardo Graziano la voce di Naruto. E per non farci mancare niente a condurre l’evento Edoardo Stoppacciaro, voce di Ratatouille.

Uno show imperdibile di due ore animato dai Raggi Fotonici, un viaggio immaginifico, alla fine tutti aspettavano i titoli di coda…

by Redazione

Cornelio: Delitti d’Autore

01/11/2008

La Sala Incontri della Camera di Commercio si tinge di noir.

Alle 11:15 inizia la conferenza con gli autori del fumetto Cornelio: Delitti d’Autore. Presenti Dario di Bernardo di Star Comics, gli autori Mauro Smocovich e Giuseppe di Bernardo e i disegnatori Francesco Bonanno e Marco Fara.

L’idea di creare il fumetto di Cornelio nasce per gioco da una proposta di Carlo Lucarelli e di Bernardo.

Si tratta di un triller noir con tratti horror dove il protagonista, Cornelio appunto, scrittore di successo, si trova ad avere il terrore “della pagina bianca” ovvero il blocco dello scrittore. Proprio alla ricerca di questa ispirazione si trova di fronte a casi inquietanti su vampiri, zombie e streghe ma non solo.

A suggerire a Cornelio idee e comportamenti da seguire compaiono nei suoi pensieri vari personaggi: Sandokan, Philip Marlow e Sherlok Holmes in primis. Questi ultimi, come ci spiegano gli stessi autori, indicano le tre fasi che rappresentano uno scrittore.
Ma altri personaggi compaiono nella mente di Cornelio, ad esempio Jessica Fletcher e Zorro.

Affianca il protagonista Vanessa, una ragazza di 18 anni che aiuta Cornelio nella ricerca dell’ispirazione ed ha con lui un rapporto sentimentale ambiguo, non si capisce se sia veramente interessata o se sta nascondendo qualcosa. Lui è attratto da lei ma se ne tiene lontano.

La serie ha avuto un discreto successo, spiegano gli autori, tanto che si è deciso di fare una seconda serie e di non fermarsi alla prima. Quest’ultima basata principalmente sulla perdita della creatività di Cornelio e la scomparsa di Carmilla, la sorella.
Un’ anticipazione sulla seconda serie? Si ispirerà al mondo delle fiabe.

La parola passa ai disegnatori. Spiegano quanto sia difficile creare un fumetto basandosi su un personaggio reale, Carlo Lucarelli appunto, senza suscitare le critiche dell’interessato. La complicazione sta anche poi nel riuscire a mantenere la stessa somiglianza del personaggio in tutte le vignette, spiega Bonanno.
Problemi poi anche per quanto riguarda l’ambientazione. Svolgendosi a Bologna, una città reale, c’è la difficoltà di rappresentarla suscitando sicure critiche da parte di chi la vive veramente.

by Redazione

Perché non accada

01/11/2008

Alle 15:00 nella Sala Incontri di Palazzo Ducale inizia la presentazione della campagna Perchè non accada. Partecipano all’evento personaggi di rilievo.

L’assessore alla cultura Letizia Bandoni introduce il progetto volto a screditare la convinzione di molti medici che ritengono i bambini troppo iperattivi malati. Per far conoscere questa assurda convinzione si è pensato di creare un fumetto a riguardo e Lucca Comics & Games non poteva non essere il punto di partenza ideale, spiega l’assessore.

La parola passa al Dott. Roberto Cestari che comunica quanto sia difficile spiegare la medicina a chi non è del settore ma come sia invece più semplice e diretto farlo attraverso il fumetto. Un canale di comunicazione più leggero e ironico.

Si passa, poi, alla proiezione del filmato ideato da Bruno Bozzetto, presente all’incontro, mirato a mostrare attraverso misure geometriche come la diversità sia quella che porta avanti il mondo.

Presente all’evento anche Guido Silvestri, Silver, ideatore di Lupo Alberto, protagonista del fumetto dedicato all’iniziativa di Perchè non accada. Silver ha ricordato anche come, da sempre, il suo personaggio abbia avuto una coscienza sociale, sin dagli esordi.

Interviene poi il Dott. Giorgio Antonucci che è parte direzionale e scientifica della campagna. L’esperienza dei bambini vivaci sostiene di averla vissuta in prima persona essendolo stato a sua volta: “Per capire una persona non si fanno test, quelli si fanno solo alle macchine” dice Antonucci, “un bambino sano non è quello che sta sempre fermo”.

La Dott.a Regina Biondetti, specializzata in psicanalisi, propone esempi di test che sono stati rivolti ad alcuni bambini, e illustra come sia facile confondere i genitori dei pazienti con termini difficili o talvolta stranieri, inducendoli a credere nella patologia diagnosticata.

Ultima ma non per importanza Elisabetta Armiato, grande étoile della Scala, che sostiene che tutti i tipi di arte aderiscano a questa iniziativa. Anche lei sostiene di essere stata una bambina vivace e di esserlo tuttora e quindi di essere giudicata secondo quegli assurdi test, malata.

by Redazione