Intervista a Robert Gould

by

Illustratore di Elric di Melniboné, autore e acquarellista amico di Alan Lee e Brian Froud, Robert Gould oggi è soprattutto il fondatore di una compagnia per la gestione dei diritti d’autore e di licensing pensata da un artista per gli artisti.

Robert, anni fa tu hai scelto di affiancare all’illustrazione anche un’attività più manageriale, la gestione dei diritti d’autore e di tutte le attività di licensing che ruotano attorno allo sfruttamento di un’idea creativa. Per questa ragione è nata Imaginosis, la società di licensing che hai fondato nel 1999. Perché una scelta così particolare?

Ho un approccio un po’ diverso dalla norma, forse. Come artista sono sempre stato molto interessato alle questioni riguardanti il mercato, a quello che succede a un’opera quando viene messa sul mercato e offerta al pubblico, magari in media diversi. La maggior parte degli artisti preferisce realizzare le proprie opere, e fermarsi lì. Il lavoro è finito. Lasciano che sia qualcun altro a curarsi di tutti gli aspetti gestionali di sfruttamento del loro lavoro, cosa che va benissimo, ma in questo modo tu artista non sei più responsabile del tuo lavoro e di ciò che ne viene fatto, dalla vendita dei diritti cinematografici al merchandise.

Ma quanto potere può mantenere un artista nel momento in cui una grossa società si interessa al suo lavoro?

Poco, se vende interamente lo sfruttamento dei diritti, ecco perché bisognerebbe cercare di essere più coinvolti. Gli artisti non sono solo autori di opere, ma anche assets, risorse di enorme valore, per le case editrici e le multinazioniali dello spettacolo. L’ho visto succedere più e più volte: le società ottengono enormi profitti dallo sfruttamento del lavoro di artisti che non sempre sono abbastanza informati o consapevoli sugli accordi che firmano. Dopo anni in questo campo mi sono reso conto che sarebbe meglio se, nelle transazioni con le società interessate al loro lavoro, gli artisti fossero rappresentati da persone che conoscono il loro mondo, ed è quello che ho iniziato a fare io quando mi sono dedicato al licensing.

Anche tu ti sei trovato in trattative complesse? Hai modo di essere coinvolto direttamente nello sfruttamento del tuo lavoro?

Ho prodotto in proprio opere sia mie che di altri artisti, ogni anno organizzo alcuni eventi mediatici di grosso richiamo, fiere e incontri dedicati al fantastico, che continua a essere un fenomeno che attira il grande pubblico. Gli eventi maggiori, che richiamano alcune migliaia di persone sono Faerie Con e Faerie World. Seimila persone in costume che ballano all’aperto uno spettacolo incredibile. Io ho il vantaggio di avere una prospettiva unica: sono un autore in prima persona e allo stesso tempo conosco il mercato dal punto di vista delle “big company”, visto che ho lavorato e lavoro nel licensing, in particolare per cinema e televisione.

Qual è il tuo approccio quando lavori con un’artista per la promozione delle sue opere?

Quando iniziamo a realizzare un libro lo facciamo già pensando a come potrà prendere vita su altri media. Sapendo in anticipo cosa gli servirebbe per funzionare sullo schermo possiamo inserire nel libro questo “qualcosa” fin dall’inizio. E lo stesso vale per la realizzazione di merchandise e altre forme di commercializzazione del lavoro.

Ci puoi parlare di qualcuno in particolare?

Ti faccio un esempio: Brom, famoso illustratore e pittore di talento. Anni fa venne da me con il suo primo libro, un tomo alto così che fino a quel momento non aveva avuto molte risposte. L’ho letto e mi è piaciuto molto, abbiamo iniziato a lavorare insieme, poi l’ho fatto incontrare con un editor che è stato in grado di aiutarlo a fare i piccoli cambiamenti necessari. Siamo riusciti a vendere il libro alla Habrams (?), e quando è uscito ha avuto un buon successo di pubblico. Oggi è in trattative per il cinema ed è stato opzionato per il mercato games.

Da come ne parli si sente la passione che nutri per quest’attività. Mi domando cosa ami di più, se la produzione o le illustrazioni?

Entrambe. Io ho sempre avuto un forte interesse per il fumetto e l’illustrazione, ma anche per la parola scritta nella misura in cui si unisce all’immagine per dare un’esperienza completa all’osservatore, dalla graphic novel al cinema, tv o giochi. Direi che è per questo che la gestione mi interessa tanto, voglio che sia un’esperienza completa. Mi rende estremamente felice e orgoglioso poter fare la differenza per un artista, poter essere utile, perché ricordo la mia personale esperienza quando ho iniziato a pubblicare. Avere il controllo sull’evoluzione del proprio lavoro, sulle forme che prenderà, seguirne le tappe dalla produzione all’adattamento, è straordinario.

Parlando della tua attività di artista e illustratore, vuoi parlarci del tuo lavoro su Elric di Melniboné, il personaggio di Michael J. Moorcock?

Ho avuto un’estrema libertà nella realizzazione del personaggio. Michael non è uno di quegli autori che sentono la necessità di intervenire nel lavoro dell’ilustratore. Si è fidato di me, e il nostro è diventato immediatamente un ottimo rapporto. Ho anche realizzato tutte le cornici, i dettagli, e in generale ho deciso io l’identità visiva di Elric, anche se il personaggio è una creazione di Michael. Possiamo dire che alla fine è stato un lavoro di team tra storia e immagini.

A Lucca in questi giorni esponi delle tavole originali dei libri di Moorcock, in particolare matite e splendidi acquarelli. Parlaci della tecnica con cui lavori.

Amo il fatto che l’acquarello sia una forma di ”caos controllato”. E’ una tecnica in cui non hai mai il totale controllo, devi tentare di catturare il momento in cui l’acqua, la carta e il colore si incontrano al loro meglio. Diciamo che devi cercare di provocare un fortunato incidente. I miei acquarelli però hanno come base dei disegni a matita molto precisi, delineati, dei binari, di fatto, su cui poggiano i colori.

L’acquarello è una passione che divide con due amici e colleghi piuttosto noti: Alan Lee e Brian Froud. Che, tra l’altro, sono vecchi amici di Fantasymagazine…

Ho vissuto in Inghilterra un certo numero di anni. Abitavo vicino ad Alan Lee e spesso lavoravamo insieme; lui veniva a trovarmi nel mio studio o io andavo nel suo, e passavamo giornate a disegnare — Alan riesce a disegnare anche mentre chiacchiera, è incredibile! — scambiandoci consigli e condividendo la stessa passione per il nostro lavoro. Brian Froud è un vecchio amico, con lui sono venuto in Italia la prima volta e proprio adesso sto lavorando a un suo nuovo progetto.

Mi hai anticipato, stavo per chiederti dei tuoi progetti più recenti.

Beh, ho appena finito di progettare il nuovo libro di Brian, un libro di nuove immagini che uscirà in America — e forse anche in Europa — nella primavera 2010, e sto lavorando alla progettazione dell’edizione speciale per l’anniversario di Faeries (Fate, n.d.r.) di Alan e Brian.

Aspetta, un’edizione speciale di Fate?

Sì, uscirà in occasione dell’anniversario del libro. Avrà alcuni nuovi disegni originali di entrambi gli autori e un poster all’interno. Per maggiori dettagli aspetta di vederlo, ne varrà la pena.

lucca.fantasymagazine.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: