Perché non accada – Disturb?

by

Sala incontri del Palazzo Ducale completamente gremita per la presentazione del libro Disturb?  prodotto per la campagna Perchè Non Accada, giunta alla seconda edizione qui a Lucca Comics & Games.

Tanti spettatori ma anche tanti personaggi pronti a partecipare.

A introdurli il presidente di LC&G Francesco Caredio che ricorda quanto Lucca Comics & Games abbia a cuore i bambini e sia sempre pronta a ospitare iniziative in loro favore.

Roberto Cestari spiega l’argomento dell’incontro: il dibattito nella medicina sui comportamenti dei bambini: “Un bambino vivace non è un bambino malato. Affermare questa cosa significherebbe tradire lo spirito della medicina stessa. Bisogna condividere questo punto di vista e il modo migliore per farlo è tramite il fumetto, strumento perfetto per spiegare in modo semplice concetti difficili”.

L’anno scorso testimonial dell’iniziativa era stato Lupo Alberto. Quest’anno prendono il suo posto due fumetti: Cattivik e Zoo Pazzo, di cui sono presenti gli illustratori.

Mario Gomboli, autore di Zoo Pazzo oltre che di Diabolik, sottolinea ancora come i bambini debbano essere “casinari” per non rendere squallida l’umanità. Sono proprio questi bambini che ritroviamo negli animali protagonisti del fumetto.

Massimo Bonfatti, disegnatore di Cattivik, oltre a ricordare di quanto si sia divertito nel creare le vignette indica “il nero genio del male” come il personaggio ideale per il messaggio. Nessuno potrebbe fare meglio di quello che non è che un bambino che gioca a fare il cattivo.

È poi il turno dell’ospite di eccezione, Giorgio Faletti. Lo scrittore si dichiara felice di partecipare, per la sua natura di “infantile senilità”. Racconta di quanto ami il mondo del fumetto, mondo che porta i lettori fuori dalla realtà, dove possono accadere fatti nemmeno immaginabili nel mondo reale. Come Superman che non viene riconosciuto grazie a un paio di occhiali o Diabolik che invece con tutte quelle maschere sarà pallido e facilmente individuabile. Dopo il divertente intermezzo lo scrittore  torna serio e spiega di come si sia messo volentieri a disposizione della campagna proprio per far sì che la fantasia rimanga un diritto dei bambini.

Interviene poi Elisabetta Armiato, madrina della campagna, orgogliosa della presenza di così tanti amici in sala. La ballerina racconta di aver accettato questo ruolo perchè da bambina irrefrenabile quale era, aveva trovato nel ballo una valvola di sfogo. Allo stesso modo gli altri bambini devono trovare la loro strada senza essere costretti a stare fermi, assumere calmanti o essere tristemente omologati. Ringrazia gli altri artisti non presenti in sala, come Enoch e Buscaglia. Presenta l’autore che, ultimo, si è aggiunto alla campagna: Iginio Straffi, il famoso autore delle Winx.

Unitosi solo un mese fa a Perché Non Accada, crede nell’iniziativa che trova molto vicina alpensiero secondo cui i bambini, finché non vanno a scuola sono tutti piccoli atleti e dopo vengono istruiti per diventare piccoli impiegati. A questi atleti ci dice essere ispirata la sua nuova creazione, presto in onda in televisione.

Gli ospiti iniziano a uscire dalla sala ma Elisabetta Armiato comunica che per l’occasione sono tutti a disposizione per un autografo o uno schizzo per chi ha acquistato il libro Disturb? aiutando con un’offerta l’iniziativa.

Marco Biggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: