Lucca Games: In gioco da 20 anni

by

La storica crew, assieme alle autorità rappresentate dal sindaco della città, Alessandro Tambellini, e dal presidente della Provincia Stefano Baccelli, si è riunita per iniziare le celebrazioni per il ventennale di Lucca Games.

Si tratta di guardare indietro sulla strada percorsa in queste edizioni, assieme a chi questo viaggio lo ha iniziato nel 2013; si presenta così al mondo il frutto di un lavoro di crescita e arricchimento sognato da pochi appassionati e che ora gode dell’attenzione e dell’ammirazione del grande pubblico.

Anche quest’anno i rappresentanti delle istituzioni hanno partecipato all’inaugurazione, e questa è stata forse più coinvolgente rispetto alle edizioni precedenti, includendo una foto con Batman nella Bat-caverna e la prova di alcuni videogiochi. Questa nota di colore per Emanuele Vietina, vicedirettore di Lucca Comics & Games, rappresenta la prova di un sempre maggiore interesse e coinvolgimento del mondo “serio” delle Istituzioni per la manifestazione.

Renato Genovese, direttore di Lucca Games e presidente nel 1993, simbolo della continuità di questi 20 anni, racconta dell’incontro con gli allora ventenni Beniamino Sidoti, Roberto Gigli e Cosimo Lorenzo Pancini, autori della fanzineSpellbook, e di un progetto con alla base un sogno condiviso tra giochi e fumetti. Un sogno iniziato con uno spazio di 500 mq e 15 espositori, e culminato nella Lucca Games che tutti possono ammirare in questi giorni: una manifestazione sicuramente figlia dello spirito iniziale, il cui sogno è ora condiviso con tanti altri media – perché “non importa come, l’importante è sognare”.

Lo spirito, secondo lo storico direttore, è sempre quello: la crew di Lucca Games, contraddistinta dalle felpe nere e dalle icone gialle, è abituata a far fronte da sola a ogni emergenza, dalla spiegazione delle regole di un gioco a un’alluvione. Questo coinvolgimento in prima persona rende la manifestazione interattiva
Il merito di questa crescita viene condiviso volentieri con i partner, che tra editori, addetti ai lavori, ospiti e artisti hanno investito in prima persona nella riuscita della manifestazione; partner che sulla carta Lucca Games non si potrebbe permettere, ma che continuano a partecipare. In particolare dV Giochi si guadagna una menzione particolare per il lavoro svolto nell’ambito del Premio Gioco Inedito, che cura da 10 anni.

Emanuele Vietina prosegue la presentazione delle iniziative speciali riguardanti la celebrazione.
La prima riguarda la riedizione del primo vincitore del “nuovo corso” del Gioco Inedito, “Lucca Città” di Alessandro Zucchini, ora rinnovato nella grafica, nel regolamento e nella presentazione in “Lucca the City of Games”.
La seconda invece la nuova interpretazione – scultura, realizzata da Marco Soresina, della mascotte storica di Lucca Games: GROG. L’artista, aspirante tale quando frequentava la manifestazione 15 anni fa, ha realizzato inoltre un poster e un video celebrativo.

Le ultime parole vanno al Sindaco della città di Lucca, che brevemente ricorda che “ogni anno il sogno si rinnova, e anche quest’anno continuiamo a sognare. Che il sogno continui!”
Lucca Games sarà pure già grande, ma non dimentica le sue origini.

Martino Palladini
http://www.gioconomicon.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: