Come diventare un Mangaka? Studiando!

by

Il Tokyo Animator College è a Lucca per far capire agli interessati come si diventa un vero Mangaka.

Studiando, of course.

Il direttore Tomonari Suzuki illustra le caratteristiche della scuola: dieci proposte tra cui i corsi professionali di manga, doppiaggio, illustrazione, computer grafica e sceneggiatura.

Il corso di manga prevede 5 giorni di lezione a settimana per la durata di due anni. Al termine avrà luogo la cerimonia di laurea, sì, cerimonia; il carattere cerimoniale della consegna è parte integrante della cultura nipponica.

Per quanto riguarda la didattica, il primo passo è lo studio del pennino. Solo, in seguito, dopo aver compreso lo strumento principale di lavoro, si curano lo stile, i tratti del personaggio e dello spazio. Termine del percorso lo studio della prospettiva.

Suzuki insiste su quanto sia fondamentale che all’utilizzo dei software dedicati, venga affiancato lo studio delle tecniche manuali. Non solo studio ed esercitazione, fondamentale è la collaborazione con gli editor delle riviste con i quali gli studenti intraprendono un rapporto di collaborazione, una sorta di stage operativo.

Il Tokyo Animator College pubblica due riviste:

  • Crash, che esce due volte l’anno e vede la pubblicazione di tutti i lavori degli studenti

  • Hakaioh, che vede la selezione dei migliori lavori presenti in Crash.

 Ex allievi famosi? Beh, gente come Kazuto Nakazawa e Sano Keiichi. Niente male, vero?

Francesco Del Bono
redazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: