Posts Tagged ‘games’

Sine Requie: 10 anni e non sentirli!!!

03/11/2013

Nel lontano 2003 Matteo Cortini e Leonardo Moretti diedero alle stampe il primo di una lunga serie di manuali per giochi di ruolo ambientati in questa realtà alternativa dove nel 1957 solo un gruppo di sparuti combattenti devono affrontare orde di zombie ritornate dall’inferno durante il D-Day. Quest’anno a Lucca Comics & Games si celebrano i 10 anni e per l’occasione sono state create 100 copie numerate con l’autograto da parte degli autori del manuale base del gioco e la miniatura di Simon il matto in tiratura limitata. Oggi in sala Ingellis si è tenuto un incontro con i due autori che hanno raccontato l’evoluzione di Sine Requie in questo periodo e per l’occasione è stato anche presentato il tanto atteso man uale del”espansione USA edito dall’Asterion Press.

DSC03065

Percorsi tracciati

01/11/2012

Tracciati – Tessitori di Sogni è un’iniziativa nata nel 2009 con il nome di Workshow, ha lo scopo di cercare talenti tra giovani scrittori e  curarne la formazione professionale. Vanta lo sforzo combinato di numerosi effettivi di Lucca Comics & Games e della casa editrice Atlantyca.

In sala Giovanni Ingellis presenti Emanuele Vietina (direttore di Lucca Games) e Francesco Caredio (presidente di LC&G), il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini e l’assessore Patrizia Favati.

Tutti concordi su quanto sia fondamentale investire nei giovani, insegnando loro a volare alto cosa che – come afferma il sindaco Tambellini – risulta fondamentale per migliorare quella che è la società.

I dieci borsisti, scelti tra i cento partecipanti iniziali, hanno soggiornato a Lucca per sette giorni nel giugno scorso,  guidati da docenti in grado di trasmettere passione ed entusiasmo per la scrittura. La stessa città di Lucca ha messo a  disposizione angoli di strade, posti e dettagli in grado di solleticare la fantasia, diventando di fatto la principale musa del lavoro creativo.  Si scopre così come un albero, un’incisione in una pietra, il volto di una statua siano in grado di scatenare a suggestione del racconto.

 

Marco Biggi
redazione

All Stars Battle Royal

01/11/2012

Sony ha presentato “All Stars Battle Royal”, nuovo gioco prodotto da SuperBot Entertainment  che sarà disponibile nei negozi italiani a partire dal 21 novembre. A illustrare il videogame sono intervenuti Daniel Maniago e Chris Capili rispettivamente community manager e developer del gioco.

Il gioco, unico nel suo genere, celebra il passato il presente ed il futuro della Play Station includendo gran parte degli eroi che da sempre popolano i giochi. Ma non sono solo i personaggi a essere uniti nella nuova release, si fondono anche musiche e ambientazioni. Scopo del videogames è vincere una battaglia, combattuta dai 20 migliori personaggi PS; la forza dei personaggi è stata calibrata in modo da generare battaglie equilibrate pur coinvolgendo personaggi molto diversi fra loro. Ogni personaggio ha subito quindi diverse modifiche prima di poter essere inserito definitivamente nel gioco.  “La sfida principale – ha affermato Maniago – è stata recepire idee e critiche dei fan. Sono stato in giro per mesi con lo scopo di collezionare i migliori consigli per realizzare il gioco”.

Negli occhi dei fans curiosità, voglia di divertimento e un sogno: il sogno di vedere il proprio eroe preferito sconfinare in altri mondi lottando alla pari contro nemici più potenti.

 

Ilaria Fabbri
redazione

Nightshade di Andrea Cremer

01/11/2011

Uno degli Special Guest di Lucca Comics & Games è Andrea Cremer, giovane scrittrice americana giunta per presentare “Nightshade” la sua prima opera, da poco arrivata in Italia ma già campione di vendite negli Stati Uniti e in Francia.

Il libro è il primo capitolo di una trilogia urban fantasy che vede come protagonista la giovane Calla, lupo mannaro “alfa” e feroce guerriera, sottomessa però alla volontà dei padroni che la controllano sin dalla nascita.

Calla è un licantropo diverso da quelli della tradizione. Lontana dalla figura stupida e maledetta è invece contraddistinta dalle caratteristiche dei lupi reali: intelligente, agile e affascinante. Queste caratteristiche che avevano colpito Andrea Cremer sin da bambina sono perfettamente descritte nelle pagine del libro in cui si avverte a pieno la tensione dell’istinto dei lupi.

La protagonista scopre il mondo di Nightshade poco alla volta, così come i lettori, tramite le notizie che le vengono raccontate in quello che si può definire un romanzo di formazione. Dovrà capire come arrivare alle verità che non può conoscere e comprendere quali regole accettare e quali no, così da poter affermare la propria individualità.

La dinamica del romanzo è più simile a quella del gioco di ruolo che non a quella della letteratura, e rispecchia a pieno la natura dell’autrice, da sempre appassionata al mondo games. La storia unisce creatività e fantasia alla storia (dovute dalla sua professione di insegnante).

Un mix che spiega alla perfezione il successo esplosivo.

Marco Biggi
redazione

Il mondo di Azzurra

01/11/2011

Gioco di ruolo e romanzo sono due mondi separati da una linea molto sottile che in alcuni casi viene oltrepassata.  Giuseppe Donato ha compiuto questo passo realizzando il volume “Memorie e cronache da Azzurra“, primo di una saga di sette libri ispirati all’ambientazione di un gioco di ruolo.

Il libro è frutto di un lavoro durato più di 10 anni, iniziato con la creazione di un sistema di gioco da utilizzare tra amici. La passione dei giocatori ha portato a ideare un mondo nel quale ambientare le vicende dei personaggi, e a farlo crescere fino a divenire un vero e proprio universo.

“Memorie e cronache da Azzurra” è un libro introduttivo a questo mondo, utile al lettore per fare conoscenza degli eventi accaduti sul pianeta Azzurra, delle forze che lo caratterizzano e segnano le vite dei personaggi. Un mondo di eroi dalla personalità profonda contraddistinto da storie che non sempre sono a lieto fine, esattamente come accade nella vita reale.

La trama viene raccontata solo negli ultimi capitoli del libro in un climax interrotto però dalla fine del libro. Per sapere come finirà la vicenda bisognerà attendere l’ultimo volume della saga quando tutti gli elementi del puzzle saranno al loro posto.

Marco Biggi
redazione

Paladini del videogioco

31/10/2011

Il videogioco è spesso al centro di dibattiti e polemiche riguardanti la sua presunta natura diseducativa. Accusato di indurre alla violenza o all’illegalità, vive oggi quel processo mediatico che qualche anno fa pose sotto accusa i manga, dalle illustrazioni a volte eccessive e provocatorie.

Di questo si è discusso in Sala Ingellis. Ad affrontare l’argomento, i Paladini del videogioco, un gruppo di ragazzi decisi a fare informazione attorno al tema dei  videogames. Diffondere una cultura positiva del gioco in tutte le sue forme, questo l’obiettivo dell’associazione. Educare i genitori, ancor prima dei figli, all’utilizzo di questo strumento che “può diventare dannoso solo se usato senza le dovute conoscenze”.

Proprio con questo fine i ragazzi hanno omaggiato il pubblico con una serie di giochi, augurandosi di contribuire a riabilitare il videogioco anche agli occhi dei più diffidenti.

Laura Pacini
redazione

Inaugurazione Ruolimpiadi & Mastering

29/10/2010

Lucca Comics & Games 2010 non poteva iniziare senza la presentazione della nuova edizione di Ruolimpiadi & Mastering, classico avvenimento della fiera. Quattro giorni dedicati ai giochi di ruolo, partecipanti provenienti da tutta Italia, tutto all’insegna del fair play e del divertimento.

Ed è proprio questa l’aria che si respira già all’inaugurazione,  i presentatori potrebbero far parte del pubblico, il pubblico potrebbe presentare, c’è entusiasmo, si ride e si scherza, anche sull’organizzazione stessa. Nuova quest’anno, improntata al femminile.

Anche l’ospite d’onore si adegua velocemente all’atmosfera. Steve Perrin, famoso game designer, entra in sala, assordato dall’applauso dei presenti, ai quali si rivolge da amico. Dice di essere molto interessato alla manifestazione, al suo concetto, e che seguirà attentamente il suo svolgimento, augurando a tutti di essere assistiti dalla fortuna, così che resti solo l’abilità a fare la differenza. Il tempo a sua disposizione è purtroppo poco e non può trattenersi per la presentazione dei partecipanti e dei giochi.

Gli organizzatori inziano a chiamare le sette squadre che animeranno e prenderanno parte ai giochi; ogni squadra ne presenta due diversi, ai quali le altre dovranno partecipare. A turno ne vengono illustrate le caratteristiche, l’ambientazione e lo scopo.

I giocatori dovranno cimentarsi in giochi ambientati nella Seconda Guerra Mondiale, in un mondo fantasy, nella Cina dei primi secoli dopo C risto. Anche gli obiettivi saranno sempre diversi: l’interpretazione del personaggio, riuscire a far scorrere la storia o utilizzarne correttamente il sistema. Il tutto ovviamente sempre all’insegna del fair play e del divertimento.

A coronare il tutto ci saranno anche il main event, un gioco basato sul regolamento di Runequest e uno special event dove i giocatori dovranno interpretare degli science hero in un’ambientazione degli anni Venti.

Presentati i giochi viene fatta una rapida estrazione per decidere quale squadra parteciperà a quale gioco. Completata questa non resta che dichiarare ufficialmente iniziata l’edizione 2010 di Ruolimpiadi & Mastering e augurare buona fortuna ai partecipanti al grido “Ai giochi, ai tavoli!”.

Marco Biggi – redazione

Ora X

29/10/2010

Eccoci al primo giorno, il 2010 è ufficialmente Lucca Comics & Games. La città, vecchia signora esperta di fumetti, giochi, cosplayers e altre prelibatezze di questo mondo di fantasia, si mette a disposizione. Lucca Comics & Games è come un figlio che i lucchesi amano e curano di anno in anno, mettendo a disposizione esperienza ed entusiasmo. Si tratta di un evento che appartiene al vissuto di ogni lucchese, e che per ogni lucchese è – in qualche modo – parte della propria identità.

Un figlio che i lucchesi chiamano con piglio ipocoristico e confidenziale: “I comics”.

Sono anni difficili per tutti, stiamo vivendo momenti di crisi perché vengono a mancare posti di lavoro, perché siamo tutti un po’ più poveri, perché nel mondo, comunque, ci sono ancora guerre e tragedie come quelle che le popolazioni colpite dalle catastrofi ambientali vivono anche in questi giorni.

E allora perché essere allegri? Perché Lucca Comics & Games?

Questi momenti sono importanti perché, innanzitutto, trattano la qualità, l’eccellenza. Qui si parla dei nomi storici del fumetto, dei più grandi creatori di giochi, qui si parla del massimo che ogni settore può offrire. Non siamo nell’ambito del trastullo, del passatempo, qui si respira qualità. E la qualità è sempre qualcosa che è importante inseguire, qualcosa per cui vale la pena.

C’è la voglia di riconoscersi negli altri, condividere una passione, comunicare attraverso ciò che si vuole essere, al di là di come le convenzioni sociali classificano le persone.

E poi c’è il bisogno di stare insieme, di creare un vissuto collettivo che sia insieme catartico ed emotivamente forte. Quello che Lucca Comics & Games offre è proprio questo, un valore di legame che unisce decine e decine di migliaia di persone.

 Proprio in periodi come questi, proprio in momenti come questi c’è bisogno di stare insieme. Di sorridere insieme.

Fabrizio Salvetti – redazione

Pronti a partire!

21/10/2008

Benvenuti sul blog di Lucca Comics and Games 2008.

Da queste pagine sarà possibile seguire passo-passo tutta la manifestazione grazie ai contributi di media partners e collaboratori vari.

Tornate a collegarvi fra qualche giorno per leggere le prime anticipazioni.