Posts Tagged ‘Lucca games’

Incontro con Cristopher Paolini

02/11/2012

Cristopher Paolini, autore di Eragon e attesissimo ospite di questa edizione di Lucca Comics & Games, ha incontrato il pubblico nell’auditorium San Romano, sfidando l’uragano Sandy pur di riuscire a essere presente. Il tempo di un’ovazione per la presentazione e il giovane scrittore prende in mano il microfono pronto a raccontarsi, tra il serio e lo scherzoso.

Nasce e vive in Montana, terra dalla quale trae ispirazione per l’ambientazione dei suoi libri. Confessa che avrebbe sognato di uccidere davvero draghi e salvare principesse, ma vista l’impossibilità, di essere stato costretto a “ripiegare” sulla scrittura, per essere almeno in grado di raccontarlo.

Proprio un libro, particolarmente brutto, lo ha spinto a scrivere, convincendolo che non avrebbe mai potuto fare peggio.

Quando inizia a parlare dei programmi futuri i presenti restano con il fiato sospeso. Spiega di voler provare una strada nuova, qualsiasi strada al di fuori dal fantasy: una storia d’amore, un thriller o altro (ammettendo però che probabilmente la prossima opera sarà di fantascienza). È però la notizia di un nuovo capitolo di Eragon che fa sobbalzare il pubblico. Non sa ancora quando e lascia solo poche anticipazioni sugli argomenti che potrebbe trattare, ma è abbastanza per scatenare la curiosità e l’attesa di tutti.

Dopo le anticipazioni Paolini si presta anche a rispondere a numerose domande dei fan, lettori attenti che chiedono spiegazioni su ogni singolo aspetto dei libri e sulla vita dell’autore. Risponde volentieri, pur mantenendo le labbra serrate a tutti coloro che gli chiedevano qualche piccola spiegazione dei misteri ancora irrisolti nelle sue opere.

Alla fine dell’incontro invita tutti i presenti alla sessione di autografi.

 

Marco Biggi
redazione

Tre episodi e non sentirli

01/11/2012

Assassin’s Creed arriva al terzo episodio della serie e non solo mantiene il successo riscosso all’uscita ma lo aumenta, diventando definitivamente un intero universo piuttosto che un semplice gioco.

La mostra che Lucca Comics & Games gli dedica ne è la prova evidente. Le opere vanno dalle moderne pagine di fumetto alla riproduzione di un antico testo medievale su pergamena, i pannelli raccontano non solo l’aspetto tecnico ma la storia, l’ambientazione e riescono alla pari delle illustrazioni a far calare i visitatori nell’atmosfera di molti secoli fa.

Il gioco si lega con la storia reale. Personaggi come Leonardo da Vinci e Tesla, le potenti famiglie della Firenze rinascimentale, i crociati e lo Zar sono parte fondamentale del gioco, l’arte è riprodotta fedelmente negli scenari.

Le postazioni di prova del videogioco riassumono tutti questi aspetti, con la possibilità di entrare finalmente nel mondo di Assassin’s Creed in prima persona e assaggiare direttamente la ricchezza e la profondità di questo affascinante (e sempre nuovo) videogioco.

Marco Biggi
la redazione

Alla scoperta di War Age

31/10/2011

Lucca Games vive ogni anno di numerosi giochi inediti che vengono presentati al grande pubblico. War Age è uno di questi, un gioco di carte creato da Luca Grasso e Pietro Puglisi, presentato in anteprima a Lucca.

Il progetto, nasce come amatoriale, assume un’impronta sempre più seria. Grasso e Puglisi studiano proseguono in una logica di sviluppo innovativo, con aspetti simili al gioco di ruolo e chiedono la collaborazioni di tutti coloro che sposano l’idea. I disegnatori ai quali garantiscono royaltes sulle illustrazioni vengono reclutati sulla rete, così come chi si occupa dell’aspetto commerciale; tutto questo è District Games.

La società, ancora in fase di costituzione, ha già le idee chiare. Il prodotto viene promosso cercando il coinvolgimento de pubblico, e far sì che i negozi non acquistino un marchio ma un gioco con un’anima. Un progetto ambizioso, arricchito dall’idea di sfruttare le nuove tecnologie grazie ad applicazioni per smartphone da affiancare al gioco cartaceo.

Le carte permetteranno di creare numerosi mazzi personalizzabili con 6 razze e 3 classi. I primi feedback? Incoraggianti.

Resta solo da attendere la pubblicazione del gioco che uscirà nel classico formato in bustina affiancato da uno starter set in grado di offrire le basi ideali al nuovo giocatore.

Marco Biggi
redazione

Lucca Games 2011 in diretta su Gioconomicon.net

28/10/2011

Il festival del gioco e del fantastico più grande dell’anno è iniziato e anche in questa edizione potrete seguire in diretta dalla homepage di Gioconomicon.net.  Tutto quanto accade nella sala incontri Giovanni Ingellis di Lucca Games 2011! Il servizio di streaming video in diretta da Lucca è raggiungibile da www.gioconomicon.net.

Molti ospiti di fama internazionale stanno presentando le proprie opere al pubblico di Lucca, il programma completo è disponibile su questa pagina. Tra gli appuntamenti di spicco di oggi sicuramente la presenza dei gemelli Phelps, interpreti dei gemelli Weasley della saga cinematografica di Harry Potter, e l’annuncio delle nomination del Best of Show di questa edizione.

A destra dell’interfaccia video troverete inoltre la raccolta di tutti i tweet che gli utenti stanno postando in queste ore su Lucca Games. Partecipate anche voi: tweetate il vostro pensiero comprendendo nel messaggio la frase “Lucca Games 2011”

Continuate a seguire il blog di Lucca Comics And Games 2011  per rimanere aggiornati su tutto quanto accade a Lucca Games 2011!

Radio Improntadigitale a Lucca Comics & Games 2011

28/10/2011

Anche quest’anno Radio Impronta Digitale sarà media partner dell’evento LUCCA COMICS AND GAMES, grande kermesse dedicata al mondo di giochi, fumetti e mondo fantasy che si svolgerà nella città toscana dal 28 ottobre al 1 novembre. La collaborazione fra l’associazione E.r.m.e.s., che ha dato vita e gestisce Radio Impronta Digitale, e l’organizzazione del Lucca C&G, partita nel 2007, si rafforza anno dopo anno, edizione dopo edizione. Uno stand visitato da centinaia di persone, i grandi della letteratura fantasy e del mondo dei fumetti che ci sono venuti, ci vengono e ci verranno a trovare durante tre giorni di reale festa. Tutto questo è il LUCCA COMICS AND GAMES, insieme a Radio Impronta Digitale!

Ascolta le trasmissioni di Lucca C&G 2011

QUESTE LE TRASMISSIONI GIORNALIERE DI RID A LUCCA GOOD MORNING LUCCA Dalle 9.30 alle 10.30 MERCURY COMICS Dalle 11 alle 13 FANTASY ON AIR Dalle 15 alle 16.30 FREQUENZA LUDICA Dalle 17 alle 18.30

CI TROVATE ALLO STAND SI2, AREA GAMES!

INFO PRATICHE: LUCCA COMICS AND GAMES è aperta dal 28 ottobre al 1 novembre (Venerdì – Martedì) dalle 9 alle 19. I costi: intero 14 euro, ridotto 12, abbonamenti a 24, 33, 40 e 45 euro (2, 3, 4, 5 giorni).

Ancora audio!

03/11/2010

Radio Impronta Digitale

Parlano Luca Volpino e Francesco Dimitri

01/11/2010

Trasformare un romanzo in un gioco di ruolo non è – di fatto – una novità, ma per quanto riguarda l’Italia, Wild Board è stata ed è tutt’oggi la prima a seguire e promuovere questa idea.

Le parole di Luca Volpino, game designer del gioco di ruolo, chiariscono tutto sul progetto: “Per noi non è un’esperienza nuova, avevamo già affrontato questa sfida con il Mondo di Heimerich, che è stato un successo… grande seguito da parte del pubblico e grandissima soddisfazione da parte dell’autore […] Il passaggio da narrativa a gioco di ruolo è di fatto estremamente semplice, specialmente quando ci troviamo di fronte dei prodotti di narrativa appassionanti e fluenti, che rendono “vivo” il mondo raccontato”.

Anche lo scrittore Francesco Dimitri è estremamente soddisfatto della realizzazione del gioco: “Ci sono tutte le possibilità di un ulteriore successo – incalza Volpino – anche perché il mondo trattato dal Alice nel paese delle vaporità è a oggi uno dei mondi più appassionanti, il mondo dello Steam Punk”.

Andrea Marmugi – redazione

Sopravvissuti, dal gioco alla narrativa

01/11/2010

Oggi alle 12:00, Asterion Press ha presentato “Sopravvissuti”, dal gioco alla Narrativa.

“Sopravvissuti” è il libro di narrativa ispirato al mondo di Sine Requie, scritto da autori, Matteo Cortini e Leonardo Moretti.

La genesi del volume è benspiegata dalle loro parole: “ La nascita di questa idea è stata spontanea, già molto del nostro lavoro nei manuali del gioco Sine Requie è narrativa… ci è bastato ampliarlo e renderlo uniforme.”

Sine Requie è un gioco di ruolo da tavolo ambientato in un 1957 ipotetico, dove i morti si risvegliano sotto forma di zombie.

In questo mondo cupo e pieno di orrore, Leo e Curte (i soprannomi che i due autori utilizzano quotidianamente) hanno ambientato il loro libro, facendo notare che “il divertimento del giocatore e del lettore è il nostro principale obbiettivo. Quello che per noi è stato naturale e divertente, vorremmo che divenisse per i nostri appassionati vecchi e nuovi, fonte dello stesso divertimento e dello stesso piacere.”

Andrea Marmugi – redazione

Dizionario dei Giochi Zanichelli

01/11/2010

Andrea Angiolino e Beniamino Sidoti presentano al pubblico il “Dizionario dei Giochi”, edito da Zanichelli. Come specificato da Beatrice Parisi si tratta di un vero e proprio dizionario più che di un trattato, che affronta il tema a partire dalle parole che definiscono il mondo del gioco e dei giocatori, rivolto principalmente a chi è fuori dalla realtà dei giochi.

Sidoti confessa subito che dalla commissione iniziale alla consegna sono cambiate molte cose, a cominciare dalla data di consegna slittata di 7 anni. Ci sono voluti infatti più di 9 anni per passare dall’idea iniziale al prodotto finito; da un target iniziale di 1.000.000 di battute ci si è ritrovati con più di 6.000.000 di caratteri; infine partendo dal gioco si è voluto spostare l’obiettivo alla rappresentazione dei giochi nella loro interezza. Questo è anche uno dei motivi per cui il dizionario ha un sottotitolo così lungo: “da tavolo, di movimento, di carte, di parole, di ruolo, popolari, fanciulleschi, intelligenti, idioti e altri ancora, più qualche giocattolo”.

Le 6.500 voci che popolano le 1.200 pagine del volume non descrivono solo il gioco e le sue regole (quando non coperte da copyright), ma anche il suo significato storico e il suo ruolo all’interno della cultura e della società che li ha vissuti.

Questa vuole essere, secondo Andrea Angiolino, anche una guida al gioco giocabile di per sè. Sono presenti all’interno delle illustrazioni di plance ed elementi di gioco, che nel caso di giochi di enigmistica come il sudoku possono essere risolti e confrontati con le soluzioni alla fine del volume.

Può essere un mezzo utile sia per gli addetti ai lavori per capirsi tra di loro che per chi è fuori da questo mondo e vorrebbe avvicinarvisi.

I giochi inclusi non hanno limitazione geografica, e questo studio ha permesso anche di fare delle osservazioni sulle storie delle trasposizioni dei giochi nei diversi paesi. La voce sulla carta viene analizzata anche per il tipo di utilizzo che ha avuto nelle varie culture, a cominciare da quelle orientali. Alcuni giochi vengono presentati anche nelle loro varianti locali, come ad esempio le versioni greche del Backgammon, o il fatto che il Gioco della Campana descritto da Gianni Rodari corrisponda alla versione genovese del gioco.

Agendo in un contesto globale si nota una contaminazione continua anche a livello linguistico, con molti termini importati dalla Germania, che possiede una tradizione ludica molto forte, ed altri imposti dalla preponderanza del mercato americano. Un esempio può essere il termine “cappotto”, derivato dal provenzale e assonante con il tedesco “kaputt”.

Spesso i giochi subiscono anche un viaggio non lineare: ad esempio il gioco del Nano giallo è arrivato in Francia come gioco della Suora Giovanna, a sua volta tornato in Italia come gioco della Papessa Giovanna – quindi alla fine Nano giallo e Papessa Giovanna sono lo stesso identico gioco.

Tra le categorie di giochi citate nei titoli ci sono anche i giochi idioti: una categoria ben definita e contrapposta ai cosiddetti “giochi intelligenti”. Si tratta ad esempio della Roulette Russa, o dei vari giochi “da nonnismo”. Qualsiasi gioco può essere idiota se giocato con la giusta dose di pericolosità o incoscienza. Anche il Gioco della verità si può considerare un gioco idiota, in quanto mette in pericolo le relazioni e le amicizie tra giocatori – ma si tratta di un problema che colpisce qualsiasi giocatore che prende sè stesso e il gioco troppo sul serio.

Fabio Polidori – Gioconomicon

Ultimi fuochi dall’area Games

01/11/2010

Grande attesa per l’ultimo incontro con Terry Brooks, nel quale lo scrittore statunitense ha chiarito i dubbi su eventuale adattamento cinematografico delle sue opere. Ha definito “definitivamente false” le voci che darebbero per imminenti una simile produzione, sia da Shannara che Landover.

Il calore del pubblico italiano sembra aver conquistato l’autore americano, che potrebbe “raccomandare” ad altri grandi scrittori la kermesse lucchese, come già fece R.A. Salvatore con lui. Brooks ha anche auspicato un suo ritorno in Italia, magari con meno pioggia!

Nel pomeriggio poi due tre le più eminenti personalità del mondo ludico, Andrea Angiolino e Beniamino Sidoti, che hanno illustrato il loro ambizioso volume, il Dizionario dei giochi, edito  da Zanichelli.

Un altro ponte tra il gioco e la letteratura è stato stabilito nel pomeriggio, durante la presentazione del Gioco di Ruolo ALICE IN STEAMLAND tratto dal romanzo di Francesco Dimitri, Alice nel paese della Vaporità. L’istrionico Dimitri ha spiegato come da appassionato sia stato più che coinvolto nella ideazione del gioco e ha illustrato insieme a Luca Volpino della Wild Boar il regolamento del gioco. Ricordiamo anche che durante la manifestazione lucchese si sono tenute partite dimostrative del gioco che hanno visto lo stesso scrittore come Master.

Il pomeriggio si concluderà con il rituale festoso delle presentazioni: Trofeo Grog edizione numero XXII dedicato alle miniature; modding contest, ossia tra 12 opere giunte in finale verranno decretati i vincitori della  prima edizione del concorso che unisce arte e tecnologia.

Tra i due eventi si parlerà di videogiochi d’epoca, ossia di come sia possibile preservare ed esporre al meglio la storia breve dell’arte videoludica

Parteciperanno all’incontro Marco Accordi Richards, direttore del museo VIGAMUS di Roma, Andrea Dresseno e Matteo Lollini, curatori dell’Archivio Videoludico di Bologna e Federico Salerno, responsabile e animatore della community GamesCollection.it.

Emanuele Manco – Fantasy Magazine